Home Agenda Associazione Attivita' Documentazione Link Contatti
cerca
NEWS › NEWS CP
HomeNews › Scheda articolo
Sono reato gli insulti su Facebook
18 dicembre 2014

 
La diffusione dei social, vere e proprie piazze virtuali dove le persone si incontrano e si scontrano, non è zona franca per il diritto. In diverse occasioni ci è stato chiesto come comportarsi nel caso in cui una persona scriva un post o un commento denigratorio e con insulti.

Noi suggeriamo sempre di dotarsi, prima di tutto, di un Codice di comportamento, che autorizza quindi a non "violare" le regole della community, procedendo con la cancellazione dei post offensivi. Però a volte è difficile fronteggiare quanto scritto da esponenti politici che vorrebbero avere il diritto di critica, a prescindere da tutto e da tutti. Così come di coloro che non commentano direttamente sulla pagina istituzionale, ma condividono la notizia sul proprio profilo, per poi sentirsi liberi di scrivere insulti.

Ci viene in aiuto una sentenza della Corte di Cassazione (n. 37596 del 12/09/2014) che considera Facebook come un "luogo aperto ed accessibile al pubblico" e pertanto chi scrive insulti o frasi poco rispettose può essere perseguito per il reato di molestie, previsto dall'articolo 660 Codice Penale.

Un procedimento giurisprudenziale importante e da tenere a portata di mano, perchè in qualche modo si spinge anche oltre il caso specifico, evidenziando il fatto che Facebook, come altri social network, consente "un numero indeterminato di accessi e visioni, rese possibili da una evoluzione scientifica che il legislatore non era arrivato a immaginare".

Claudio Trementozzi
archivio completo »

AGENDA
tutti gli appuntamenti di Febbraio »












"Comunicazione Pubblica" sostiene

Mappa Formazione on line Aiuto P.A.: Social network e comunicazione pubblica 2.0 Credits Privacy

Comunicazione Pubblica - Direzione di Milano tel./fax 02/67100712 r.a.
2001-2017 © Comunicazione all rights reserved - P.Iva 04630291005

Il sito web di Compubblica non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto